LO RRAU’ RE NONNA PEPPINA

A le setti re la romeneca matina

tra veglia e suonno

a la ‘ntennata re mututino

te vocolava inta lo lietto

lo tuppi tuppi re l’arracciatora

‘ncoppa lo taglieri.

Accommenzava accussì lo rraù re nonnema:

inta lo tiàno re creta

mittìa a sfrìe roie capo r’aglio,

appena ‘ntaccate,

abbruscolàte, le llevava.

Miezzo cutrufièddo r’uoglio r’auliva

tre cocchiera re ‘nzogna fina

e l’arracciatòra era la conzata.

Dde frittole re lardo,

‘ncoppa ‘nna fedda re pane

re carosedda, ppe nui criaturi,

era la prima delizia.

‘Nna cepodda rossa, grossa, fina tagliata

a fuoco lento se ‘ndorava.

Sti grumi re cepodda arrascata,

già cco ‘nno sapore re carne,

‘ncoppa n’ata feddozza re pane

era la seconda delizia.

Attramente ca sfriìano le frittole

e se conzumavano le cepodde,

s’appreparava ‘nno cosciotto re grastato

apierto a ponta re curtieddo,

ingùto ra l’arracciatora, pitrusino,

aglio tritato fino fino

e piezzi re prosutto,

tutt’astrinto cco ‘nno capo re spào.

Sta specie re capocuoddo

vinìa stiso inta lo tiàno

e ppe ‘nno paro r’ora,

sempe pippitiànno

li sapuri e l’adduri se mmescavano

ogni tanto menannoce

‘nno miezzo bicchieri

re vino ianco, re cheddo sicco.

S’aggiungìano tre cocchiàra

re consereva, re chedda ristretta,

ca rìano a lo rraù

ddo culurito re viecchio mattone.

Sulo roppo, a conserva sfritta,

inta lo suco re la carne,

se ssuppolavano roie botteglie

re pemmarole re l’uorto, ‘mprofumate,

addove ng’era puri

‘nn’addore re vasilicoia.

Lo rriesto, l’avìa fa

‘nno fuoco lento re leona re cerza

ppe ddà sostanza a lo rraù re nonna Peppina.

Li fusiddi re carosedda,

appreparati ‘ncoppa ‘nna graddicedda

inta ‘nno mmesale re lino,

stìano a spettà dd’addecrio.

A l’una tutt’era pronto:

attramente li ‘mmitati assaggiavano

‘nna fedda re capicuoddo

re lo puorco r’auànno,

sintìano ‘nn’addore ca vinìa ra la cucina

addove se conzavano li fusiddi

inta ‘nna scafarèia

e ppe ogni spasa s’aggiungìano

rui cuoppi re rraù

e ‘nna manata re pecorino paesano.

Viniano portati ‘ntavola

fummichiànno

e te ‘nzuccaravano la vocca

t’aprìano lo core

te facìano parlà senza rancore

specialmente

si nge ‘ncazzàvi ‘ncoppa

‘nno paro re bicchieri re vino

tuosto, nioro, cheddo re li Cuozzoli,

ca se ‘ngegnava ppe le feste cchiù belle

e tutti ricìano:

pozzà ì ‘mParaviso ronna Peppina

ca sape appreparà chisto rraù.

Giuseppe De Vita

da Moio della Civitella