L’argomento riguarda tutte le maestranze, proprio TUTTE. Mamma natura è stata molto generosa con noi dotandoci del bipodalismo ossia della capacità utilizzare due arti per la stazione eretta, camminare ,correre Ognuno di noi ha visto il proprio marmocchio [ a 12 mesi circa] prima gattonare come una scheggia, poi passare piano piano alla stazione eretta ed essa mantenere prima con difficoltà e, successivamente, sempre con maggiore sicurezza; muovere i primi titubanti passi che in pochi giorni diventano decisi e risoluti. Miracolo Vero. Un secondo miracolo si compie in ogni individuo dai sei ai dodici anni di età allorquando si formano e si stabilizzano nella colonna vertebrale tre curve: lordosi lombare e cervicale, cifosi dorsale. Sono tre curve molto importanti per il nostro organismo. Ci fanno sentire meno lo sforzo e la stanchezza.

Pensando alla postura ci riferiamo al portamento, alla posizione; a qualcosa che “funziona” in ogni istante. I muscoli gravitazionali ed antigravitazionali sotto gli impulsi provenienti dalla corteccia cerebrale,labirinto, cervelletto ed altri organi, ci mantengono in piedi in una posizione fisiologica. Perciò la postura è l’adattamento personalizzato di ogni individuo all’ambiente fisico, psichico ed emozionale; è la modalità con cui ciascuno di noi reagisce alla forza di gravità.

Ogni giorno attraverso i nostri atteggiamenti o portamenti sbagliati alteriamo la fisiologica postura con il risultato di causare danni al nostro organismo dapprima non percepiti poi percepiti sotto forma di dolore, formicolio, impotenza funzionale delle articolazioni. Vale sempre il concetto della esposizione e del tempo. Per limitare, ad esempio, al minimo i rischi di affaticamento visivo e problemi muscoloscheletrici è necessario usare le attrezzature assumendo posizioni corrette. Movimenti sbagliati ripetuti oppure sollevamento dei pesi non congruo possono causare problemi a carico delle articolazioni scapolo omerali e della colonna vertebrale in generale. Anche la distanza tra superficie del sedile e pavimento deve essere regolata in funzione dell’altezza del lavoratore: Per non dire del tavolo di lavoro che deve essere appropriato sia nell’altezza (70-80 cm) sia lunghezza (120-160 cm) sia nella profondità ( 100 cm.) Il colore deve essere chiaro, sicuramente non bianco.

Che fare? La parola d’ordine è formare per prevenire. Ci si trova di fronte ad un rischio subdolo. Giorno dopo giorno la fisiologia delle articolazioni è aggredita con risultati irreversibili a lungo andare.

Prima di concludere desidero ricordare il nostro team di esperti [ingegneri, tecnici della prevenzione, medici competenti].

Effettuiamo le tutte le visite e gli esami sul posto del lavoro. Nessuna ore viene tolta alla produzione! Meglio adeguarsi al D.Lgs. 81 del 9 Aprile 2008 che subirne le conseguenze! Contattaci per un sopralluogo gratuito!

Per ultimo desidero augurare un Buon Natale ed un Felice Anno Nuovo. Nel 2010 sicuramente i sogni diventeranno realtà!

Aniel