Sono interessati  13 milioni di italiani: 9 milioni di donne e  4 di uomini. Lo stile di vita occidentale [ritmi frenetici e dieta povera di fibre] contribuisce pesantemente all’insorgenza della stitichezza. Le errate abitudini di vita non sono tuttavia l’unico fattore di rischio, spesso all’origine della stitichezza vi sono problemi ben più importanti come il prolasso della parte terminale dell’intestino.  La stipsi può colpire anche chi non ne soffre abitualmente e la colpa è da attribuire al cambio della dieta e agli orari. In genere la stitichezza è un disturbo che dura pochi giorni. In generale l’intestino torna da solo ai ritmi di sempre. Il problema peggiora di giorno in giorno per chi è tendenzialmente stitico.

Come combatterla in modo efficace? Ecco  alcune regole.

1) Bere almeno  due litri acqua al giorno. Evitare il tè [il tannino di cui è ricco ha effetti astringenti] e le bevande gassate.

2) Consumere passati di verdure  e i minestroni vegetali. Sono ricchissimi di acqua e contengono le fibre alimentari insolubili che trattengono l’acqua  nel intestino e formano una densa gelatina che facilita l’espulsione delle feci.  Non commetere l’errore di mangiare molta verdura e bere poco. Peggiori il disturbo.

3) La frutta aiutare le colonie di batteri  presenti nel tubo digerente. Essi producono sostanze che stimolano il suo funzionamento. I frullati di frutta contengono  acqua e fibre solubili che nutrono la flora batterica intestinale. La frutta tropicale poi ha effetti lassativi ancora più potenti. Ottimi mango e datteri. La giusta quantità di frutta sono tre porzioni di circa 100 g di verdura, due di frutta e una o due di cereali integrali.

4) Consuma yogurt che contiene il Lactobacillus acidophilus.

5) Il lievito  preso in dose modeste stimola la digestione. Se non ti piace intero consumare pane pugliese perché nella parte interna i lieviti sopravvivono alla cottura. L’aloe vera gel è un tocca sana! Consumane almeno 60 a 100 ml al giorno.

6) Salvia, alloro, rosmarino, menta e prezzemolo combattono la fermentazione e stimolano la motilità gastrointestinale. L’olio extravergine di oliva, che agisce come blando stimolante.

7) Per dolcificare le bevande, calde e fredde, è meglio il miele che lo zucchero. Soprattutto quelli di eucalipto e di acacia hanno buone proprietà lassative.

8) Masticare a lungo bocconi molto piccoli e a mangiare lentamente [ antica regola della Scuola Medica Salernitana]

9) Fai pasti leggeri e frequenti.

10) Pratica con regolarità almeno un’ora di sport al giorno. Dalla semplice camminata alla corsa leggera, bici, ginnastica.

Se queste regole seguirai …. al bagno ogni mattina andrai!